Tag Archives: Vallo di Nera

Piccolo coro di Scheggino e Vallo di Nera

Piccolo coro di Scheggino e Vallo di Nera

Progetto Opera Insieme 2 – Canto per la Valnerina e per Spoleto

Al via anche il Piccolo Coro di Scheggino/Vallo di Nera

Nell’ambito del progetto speciale Opera Insieme 2 – Canto per la Valnerina e per Spoleto, sabato 26 gennaio 2019 presso la Sala Polivalente di Scheggino hanno avuto inizio le attività di studio e preparazione anche del Piccolo Coro dei Bambini di Scheggino.

Responsabile del coro e docente del Teatro Lirico Sperimentale, che preparerà i giovani cantanti per i concerti programmati e per la realizzazione in maggio dell’opera L’Elisir d’amore di Gaetano Donizetti, è il M° Sara Cresta.

Il progetto di alfabetizzazione musicale, di avvicinamento alla musica corale per poi passare ai saggi ed esecuzioni è stato fortemente voluto dal Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli” che opera in questo settore già da diversi anni.

Nel frattempo già a settembre ha iniziato le proprie attività il Piccolo coro di Spoleto sotto la guida del docente del Teatro Lirico Sperimentala, M° Mauro Presazzi, mentre a inizio dicembre è stato ricostituito il Piccolo Coro di Cascia/Norcia sotto la direzione dell’altra docente dello Sperimentale il M° Klara Luznik.

Lo studio e le prove si svolgono a Scheggino presso la Sala Polivalente; a Cascia presso il Teatrino dell’Alveare di Santa Rita e a Spoleto presso la Sala Pizzetti della Palazzina Berio in gestione al Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto.

I tre cori di bambini si riuniranno poi, come già accaduto nel concerto del 29 dicembre 2018, in occasione di diversi concerti e, come detto, per affrontare l’opera lirica che andrà a scena a Norcia e a Cascia nel maggio 2019.

Piccolo coro di Scheggino e Vallo di Nera

Il progetto, che comprende anche la partecipazione dei cori e delle bande musicali di Norcia e Cascia ed elementi comunque della Valnerina e di Spoleto, è reso possibile grazie alla volontà della Regione Umbria attraverso la specifica misura approvata dal Ministero del Beni e delle Attività Culturali a favore delle zone colpite dal sisma del 2016 per sostenere la socializzazione e l’espressione artistica.

La partecipazione delle comunità è resa possibile grazie alla collaborazione organizzativa dei Comuni di Spoleto, Cascia, Norcia, Scheggino, Vallo di Nera e Sant’Anatolia di Narco e alla preziosa disponibilità della direzione del complesso dell’Alveare di Santa Rita di Cascia e delle Comunità Agostiniane di Santa Rita.

Fior di Cacio – il programma 2018

fior di cacio

Fior di Cacio 2018

Si scaldano i motori a Vallo di Nera per la sedicesima edizione di Fior di Cacio, la mostra mercato delle produzioni casearie di qualità. L’appuntamento, ospitato in quello che è uno dei borghi più belli d’Italia, bandiera arancione del touring club italiano e membro dell’associazione nazionale Città del tartufo, è per il 9 e 10 giugno 2018.fior di cacio
Un evento – a cui è stato appena concesso anche il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali – che anche quest’anno prevede un ricco programma. Il borgo, infatti, sarà attraversato da “Le vie del cacio”, mostra mercato di produzioni casearie, prodotti tipici del territorio, ma anche artigianato. Torneranno anche i tanto apprezzati educational “I mille matrimoni del formaggio”, dove il cacio sposerà altri prodotti del territorio per far scoprire al palato abbinamenti inebrianti. Non mancheranno i punti di degustazione gratuita lungo il paese, così come le animazioni per i più piccoli, la musica e gli stornelli, le visite alle frazioni e momenti di dibattito su agricoltura e zootecnia.

L’appuntamento clou di Fior di Cacio però sarà ancora una volta la maxi ricotta, offerta in degustazione a tutti i visitatori la domenica pomeriggio.
Informazioni su www.fiordicacio.com

 

Il Festival musicale ‘Correnti del Nera’ fa tappa a Vallo di Nera

vallo di nera campanili chiese

Campanili, folk, musica e pittura per due spettacoli a ingresso libero da non perdere

VALLO DI NERA (PG)- Sabato 14 aprile a Vallo di Nera fa tappa il festival musicale ‘Correnti del Nera’ realizzato da Regione Umbria, i Comuni di Arrone, Cerreto di Spoleto, Ferentillo, Poggiodomo, Polino, Preci, Sant’Anatolia di Narco, Sellano e Vallo di Nera in collaborazione con Perugia musica classica, Associazione Filarmonica umbra, Accademia Barocca Hermanns, Tetraktis e numerosi gruppi della Valnerina.

 

Due gli appuntamenti in programma a Vallo di Nera: alle 16,30 nella piazza del paese il primo spettacolo dedicato alla serie ‘Campanili vivi’ vedrà i Sonidumbra e Tetraktis Percussioni alternarsi al cantastorie Riziero Flammini e ai gruppi folk Menestrelli di Vallo di Nera e Pasquettari di Meggiano. L’idea artistica di campanili vivi è, infatti, quella di mettere in relazione le tradizioni popolari locali per interpretarle secondo uno stile contemporaneo. Ogni campanile ha un brano composto dal Maestro Fernando Sulpizi pensato seguendo il linguaggio scandito dai precisi codici elaborati e condivisi nei secoli dagli abitanti dei diversi centri.

 

Alle 17,30 nella chiesa-auditorium di Santa Caterina sarà la volta di ‘Musica per ritornare’, in un concerto del duo Provenzani & Guerrini. Uno spettacolo molto originale: mentre saranno eseguite tre suite di Johann Sebastian Bach, narranti una storia compiuta attraverso tre quadri divisi nei tempi e nelle danze delle suite, verrà creata una complicità esecutiva sia musicale che pittorica suggestiva e personale. Il pittore dipingerà in tempo reale i quadri seguendo la struttura e l’andamento della musica; il violoncellista, a sua volta, interpreterà la pagina musicale ispirandosi al divenire della pittura.

Entrambi gli spettacoli sono a ingresso libero. Un’ottima occasione per ritornare in Valnerina nei paesi antichi, nelle antiche abbazie e chiese, nei piccoli teatri e negli spazi aperti per conoscere il patrimonio storico artistico e l’autenticità di luoghi che sfidano il tempo.

 

 

Open Day Scuola Vallo di Nera

scuola libri

Inizia il 27 gennaio alle 15 l’Open Day Scuola Vallo di Nera

 

 

Open Day nella Scuola Media di Vallo di Nera sabato 27 gennaio

Tempo di iscrizioni scolastiche. La scuola secondaria di primo grado di Vallo di Nera, sabato 27 gennaio, propone agli studenti che dovranno iniziare il triennio della Scuola Media un open day per far conoscere l’edificio, i docenti e i vari laboratori attivati.

Nel pomeriggio dalle ore 15,00 alle ore 18,00, in località Borbonea di Vallo di Nera, genitori e alunni potranno visitare le aule spaziose che si affacciano sul paesaggio della Valnerina.

L’edificio scolastico è stato completamente ristrutturato ed è antisismico, è facilmente raggiungibile dalla strada Statale “Tre Valli” e gode di un giardino e di una spaziosa palestra attrezzata.

Da tempo sono stati attivati numerosi laboratori gratuiti che completano e caratterizzano l’ofscuola open dayferta didattica: laboratorio di arte, musica, tecnica con stampante 3D e di coding (informatica e pensiero computazionale), LIM.

Oltre ai libri forniti gratuitamente, il Comune di Vallo di Nera mette ogni anno a disposizione un autobus con autista  per i viaggi d’istruzione, il materiale di cartoleria e pulizia, il servizio wi-fi, numerosi strumenti musicali. Proprio in questo campo gli studenti della Scuola Media di Vallo di Nera hanno costituito un ensemble che è stato premiato anche in occasione di concorsi nazionali.

La scuola fa capo all’Istituto omnicomprensivo di Sellano-Cerreto, ha personale docente e non docente motivato e particolarmente attento alle esigenze formative degli studenti.

Il plesso scolastico è facilmente raggiungibile anche con il servizio di autobus di linea, sia da Norcia che da Spoleto e Terni.

Per informazioni: mediavallodinera@tiscali.it, telefono 0743613178.

 

I prodotti DOP e IGP sono quasi unicamente realizzati in PICCOLI comuni

piccoli comuni e sindaci

Piccoli Comuni e tipicità

 Un rapporto di Symbola e Coldiretti sul legame tra economia e territorio

 In Italia i prodotti gastronomici che si fregiano di un marchio certificato (DOP o IGP) sono 293 e ben 270 di essi nascono in Comuni con meno di cinquemila abitanti ovvero il 92% della produzione totale. Uno studio condotto da Coldiretti e dalla fondazione Symbola, presentato a Roma a Palazzo Rospigliosi nel corso del convegno “L’Italia delle qualità e della bellezza sfida la crisi”, evidenzia e rivaluta il contributo dato al Made in Italy dei cibi di qualità dai piccoli Comuni e dai loro abitanti. Una dimensione economica rilevante che coinvolge il 17,2% della aziende italiane, sviluppa un fatturato annuo di quasi 14 miliardi di euro e lega economia e territorio.

Anche l’Umbria è interessata al fenomeno, regione con sessanta comuni dalla demografia “small” che producono buone tipicità. Su nove DOP e IGP, infatti,  tre provengono esclusivamente dai piccoli Comuni della Valnerina: farro di Monteleone di Spoleto DOP, prosciutto di Norcia IGP, lenticchia di Castelluccio IGP; a esse si aggiungono la patata rossa IGP di Colfiorito, il vitellone bianco IGP dell’Appennino centrale, l’agnello del Centro Italia IGP, il pecorino toscano DOP, i salamini italiani alla cacciatora DOP.  Una grande maggioranza di essi viene prodotta in montagna, nelle piccole e medie aziende che hanno sede nei borghi, spesso luoghi soggetti a un forte spopolamento.

Nell’anno dedicato al cibo italiano nel mondo, si va dunque alla riscoperta delle radici della tipicità, biodiversità e patrimonio paesaggistico-storico-artistico, che da poco possono contare anche su una Legge, la n. 158 del 2017, dedicata ai Comuni di piccola dimensione e alla loro valorizzazione.  Se non ci fossero già abbastanza elementi per sostenere e promuovere un contro esodo che tuteli la presenza di abitanti nei piccoli Comuni, le produzioni di qualità sarebbero un elemento per non  considerare più i piccoli centri come un peso ma come elementi irrinunciabili di stile di vita,  cultura ed economia, luoghi su cui investire di più per mantenere non solo se stessi ma l’identità italiana.

L’incontro di Roma ha chiamato in causa bellezza e qualità dei piccoli paesi per sconfiggere la crisi economica e sociale. Al dibattito sono intervenuti Stefano Masini di Coldiretti che ha presentato il rapporto sulle tipicità,  Roberto Moncalvo presidente Coldiretti, Ermete Realacci presidente di Symbola, Enzo Bianco presidente del Consiglio nazionale ANCI, Massimo Castelli coordinatore Anci piccoli Comuni, Agnese Benedetti sindaco di Vallo di Nera, Enrico Borghi presidente Uncem, Fiorello Primi presidente Borghi più Belli, Alessandro Regoli direttore Wine News, Giampiero Sammuri presidente Federparchi.

Unanime il convincimento che “la cultura gastronomica italiana, famosa e apprezzata in tutto il mondo, dipenda direttamente dalla conservazione e promozione dei piccoli paesi, dalle loro Comunità rappresentanti della tradizione e, allo stesso tempo, giovani grandi risorse per il settore turistico e alimentare”.

 

 

 

la Panchina Rossa contro la violenza sulle donne

panchina rossa vallo di nera

A Vallo di Nera si inaugura la “panchina rossa” contro la violenza sulle donne

Sabato 25 novembre, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, l’amministrazione comunale di Vallo di Nera inaugurerà la panchina rossa, simbolo materico di una campagna di sensibilizzazione contro i femminicidi e in favore delle pari opportunità.
La prima delle tre panchine che il Comune ha deliberato di dedicare al progetto, accogliendo l’invito lanciato dagli Stati Generali delle donne, si trova nella frazione di Meggiano al centro dei giardini pubblici. È stata ridipinta in estate dai cinque ragazzi del servizio civile che operano presso il Municipio: Claudia, Elisabetta, Filippo, Martina e Samuel. Altre due si trovano nei giardini di Vallo di Nera e di Piedipaterno. ” Un piccolo gesto, ma carico di significato- ha detto il sindaco Agnese Benedetti, presidente di un Consiglio comunale dove la componente femminile rappresenta il 70%- che non ci farà dimenticare le vittime di quella che oggi è a tutti gli effetti una strage e che ci rende responsabili della necessità di un pieno cambiamento culturale”. La panchina rossa è un luogo dove sedersi a riflettere e dove prendere la forza per imparare o insegnare la potenza del rispetto.
Il Comune di Vallo di Nera ha anche adottato la “Carta delle Donne nel mondo” con l’intento di diffondere una cultura di politiche delle risorse umane inclusive, libere da discriminazioni e da pregiudizi, capaci di valorizzare i talenti in tutta la loro diversità.

L’inaugurazione è prevista sabato 25 novembre alle ore 11,00 nell’ambito della manifestazione “Il trionfo del bosco”.

Salute e nutrizione, Duathlon Cross del Nera – 15 ottobre 2017

Duathlon Cross del Nera - 15 ottobre 2017

C’è anche Vallo di Nera al Salone del Turismo rurale-Eco Natura in programma dal 6 all’8 ottobre a Umbriafiere di Bastia Umbria. Insieme ad altri nove Comuni umbri, facenti parte del circuito dei Borghi più Belli d’Italia, accoglierà i visitatori dell’importante manifestazione con una degustazione di formaggi abbinati a miele e confetture, prodotti dalle aziende agricole locali che hanno firmato un partneriato con il Comune, di promozione e conoscenza.

Non si è ancora spenta l’eco dei festeggiamenti dell’ottocentesimo compleanno di Vallo, a cui hanno partecipato le prestigiose rappresentanze dei cortei storici di Trevi, Grutti di Gualdo Cattaneo, Monteleone di Spoleto, Ferentillo, Spello, Eggi, Bevagna,Cascia, Montefalco, Narni, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino e Poggiodomo, con figuranti, musici, tamburini, balestrieri, danzatrici e balestrieri, che ancora proseguono le visite alla Casa dei Racconti dove è conservata la pergamena attestante la nascita del castello, il 23 settembre 1217.

Duathlon Cross del Nera - 15 ottobre 2017Numerosi gruppi organizzati, in questi giorni, hanno scelto Vallo di Nera come meta turistica, provenienti dall’Umbria, dal Lazio, dal Veneto, dall’Olanda. Un incoraggiante segno di rinascita e di vicinanza dopo gli accadimenti sismici. Nelle edicole, frattanto, è uscito un numero della rivista ‘In viaggio Umbria’ che, in un servizio di Rossella Cerulli, propone l’edicola della Madonna delle Forche di Vallo di Nera , tra quelle scampate ai colpi del terremoto e quindi agibile, come chiesa da visitare per la preziosità degli affreschi del XV secolo.

Domenica 15 ottobre a Piedipaterno, il Comune in collaborazione con l’Associazione Podistica Soliidarietà di Roma e la Federazione Italiana Triathlon, propone la manifestazione “Salute e nutrizione, Duathlon Cross del Nera”, una competizione individuale e a staffetta con 3km di corsa, 13,5 km di mountain bike, corsa di 1,5 km. Iscrizioni al sito www.duathlondelnera.it

Seguici nella pagina Facebook Vallo di Nera per altre informazioni