Puoi arrivare in Valnerina in treno, presso la stazione di Spoleto o in aereo tramite gli aereoporti di Perugia o Roma, scopri le informazioni di seguito


Norcia – Castelluccio: aperta con orari

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI aggiornate sulla strada di Castelluccio di Norcia – ORA APERTA

Norcia – Ascoli Piceno: si passa da Cittareale per i mezzi pesanti

Fino a 3.5T si può passare in galleria in determinati orari

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI sulla galleria di Forche Canapine – INFO AGGIORNATE AL 25 APRILE 2018

Qui di seguito la mappa che può essere facilmente consultata anche al link:

http://web.valnerinaonline.it/strade

Condividi questo link per dare ad altre persone aiuti nel raggiungere le zone del Centro Italia.
http://web.valnerinaonline.it/strade

La Valnerina TRA VISSO E TERNI E’ APERTA

Aggiornamento del 31 marzo 2018

Correttamente riaperta al traffico la VALNERINA SP 209 che collega Visso alla Provincia di Perugia

http://www.valnerinaoggi.it/terremoto/cominciati-i-lavori-per-riportare-il-nera-nel-suo-alveo-naturale-10178/

Le operazione di ripristino del fiume Nera, sulla strada provinciale numero 209 della “Valnerina”, sono cominciate. Interessano la strada che congiunge le città e i territori di Preci e di Visso. Per effettuare l’intervento sarà necessario interdire il traffico veicolare fino al 31 di gennaio.

Da Terni a Molini di Visso la strada è perfettamente transitabile SEMPRE, ma per l’ultimo tratto, le GOLE DELLA VALNERINA che congiungono Molini di Visso a Visso, purtroppo c’è un apertura parziale.

Il 17 ottobre 2017 la strada è stata riaperta con degli orari di transito. Nei prossimi giorni vi daremo notizie più precise.

https://www.youtube.com/watch?v=1v-Cs0BRw9w

La strada, in alcuni punti è mancante, in altri punti è invasa dalla frana, non hanno iniziato i lavori di ripristino, è tutto fermo alla mattina del 30 ottobre. Attualmente non è l’unica strada chiusa e questo rende la ripartenza post sisma alquanto complicata.

Un effetto che NON HA CONSEGUENZE PIACEVOLI, che non può avere un facile ritorno alla normalità. Le persone che prima impiegavano 10-15 minuti per arrivare a Visso (chi si trovava a Preci circa 20 minuti) ora impiegano circa 1 ora e 20, devono arrivare fino a Sellano.

Il territorio deve continuare a vivere e per farlo occorre avere una pronta riparazione delle vie di comunicazioni, se non è possibile utilizzare quelle “vecchie” occorre trovare delle alternative, accessibili a quante più persone, senza vincoli troppo restrittivi.

Purtroppo sono passati quasi 10 mesi dalla scossa del 30 ottobre 2016 (che ha dato origine alla chiusura di molte strade) e circa 12 mesi dalla scossa che ha dato il primo CAOS e che ha lasciato senza casa e senza lavoro decine, anzi centinaia di famiglie.