INCONTRI INFORMATIVI A FOLIGNO E NORCIA SUL GASDOTTO SNAM

Si terranno il 4 gennaio a Foligno, dalle ore 18:00 al SERENDIPITY Music Club, via delle industrie 25, nella Zona Industriale di S. Eraclio e il 5 gennaio 2018 a Norcia, dalle ore 15:00 nello Spazio Solidale 24, in via della stazione 11 davanti all’Emporio Agrario due incontri per fare luce sul progetto di costruzione di un gasdotto lungo tutta la faglia sismica appenninica dalla Puglia alla periferia di Bologna.

Agli incontri prenderanno la parola ingegneri, geologi e attivisti pugliesi e sono invitati a partecipare tutti i cittadini e le autoritá locali che hanno a cuore la loro terra.

I comitati contrari sostengono che quest’opera è INUTILE, DANNOSA E PERICOLOSA.
– Inutile perché l’Italia importa giá il doppio del gas che consuma e il nuovo gas sarebbe solo destinato all’esportazione e dunque ai profitti della SNAM.

– Dannosa perché distruggerebbe al suo passaggio e durante la sua realizzazione dei territori lungo l’Appennino paesaggisticamente meravigliosi, ancora quasi vergini e che rappresentano una ricchezza sotto molti punti di vista. Dannosa anche perché continua a investire su fonti di energia fossili e finite invece di cominciare ad allungare la vista verso fonti rinnovabili e pulite.

– Pericolosa perché é prevista sopra 700 km di faglie sismiche attivissime che facilmente potrebbero causare rotture de esplosioni.

L’incontro é parte di una serie di incontri informativi portati avanti da una carovana NOTAP partita da Melendugno, nel Salento, ad inizio dicembre e attraverserá le aree coinvolte dal progetto per portarlo a conoscenza della popolazione tenuta all’oscuro di tutto e per unire le decine di associazioni che denunciano da anni la pericolositá economica e ambientale del progetto.

Ricordiamo che il progetto Rete Adriatica va dal Salento alla periferia di Bologna, è lungo 687 km, attraversa 3 parchi nazionali e 21 aree protette e si sviluppa in 5 lotti: Massafra-Biccari (194 km), Biccari-Campochiaro (70 km), Sulmona-Foligno (167 km), Foligno-Sestino (114 km), Sestino-Minerbio (142 km). Attorno al tracciato, verranno realizzate una servitù di 40 metri e strade per consentire l’accesso dei mezzi ai cantieri. I costi di investimento ammontano a circa 216 milioni di euro. Si tratta di un progetto strettamente legato al Tap (Trans Adriatic Pipeline), la condotta che nel 2020 porterà in Italia il gas naturale del Mar Caspio, in Azerbaijan, dopo avere percorso 3.500 km e attraversato sei Paesi.

Speriamo in una vostra partecipazione nonché alla diffusione di quest’evento che si auspica essere costruttivo e che possa fare luce sulle tante incertezze dovute alla grandezza del progetto stesso.

 

 

COORDINAMENTO NO GASDOTTO SNAM

Né qui, Né altrove