Norcia

Semina a Castelluccio di Norcia, una cronistoria

28 febbraio 2017

Consiglio della Regione Umbria

BENE IL DOCUMENTO UNITARIO DELL’ASSEMBLEA LEGISLATIVA SUL RICONOSCIMENTO DEI DANNI INDIRETTI” – FIORINI E MANCINI (LEGA NORD) “RECEPITE LE NOSTRE INDICAZIONI

I consiglieri regionali della Lega Nord, Emanuele Fiorini e Valerio Mancini commentano l’approvazione nella seduta odierna dell’Assemblea legislativa, di un documento unitario sul riconoscimento dei danni indiretti provocati dal sisma. I due esponenti del Carroccio esprimono soddisfazione perché nella mozione sono state recepite loro indicazioni soprattutto in merito all’individuazione di forme di defiscalizzazione dei tributi locali.

(Acs) Perugia, 28 febbraio 2017 – “Nel documento unitario scaturito dopo un’intensa giornata di lavoro in Aula, sono state recepite le nostre indicazioni in riferimento al tema dei danni indiretti provocati dal sisma”. Così i consiglieri regionali della Lega Nord, Emanuele Fiorini e Valerio Mancini a margine della seduta odierna dell’Assemblea legislativa, con riferimento alla mozione condivisa da tutti i gruppi assembleari che “impegna il Presidente e la Giunta regionale ad agire presso il Governo nazionale al fine di sollecitare forme di sostegno al reddito per le categorie che hanno subito danni indiretti, anche attraverso forme di defiscalizzazione dei tributi locali”.

Per i due esponenti del Carroccio “si tratta, in pratica, di prevedere la creazione di un fondo nazionale destinato a compensare il minor gettito per le Amministrazioni comunali che prevederanno per il 2017 la riduzione delle aliquote Imu e Tasi a favore delle strutture ricettive presenti sul proprio territorio e/o la sospensione della Tassa di soggiorno. Intervento riferibile alle Province – spiegano – su cui insistono i Comuni ricadenti nel cratere”.

“La riduzione dei tributi locali è una possibilità – spiegano Fiorini e Mancini –, ora la palla passa al Governo che fino ad oggi ha fatto solo promesse, mentre di cose concrete se ne sono viste davvero poche. La ricostruzione, su ammissione dello stesso Commissario Errani, procede a rilento ed è per questo – concludono – che c’è bisogno di soldi veri e il prima possibile, con l’auspicio che la questione non vada troppo per le lunghe come sta accadendo per le strutture viarie per Castelluccio e per Visso ancora oggi chiuse. Ed anche l’Europa dovrà fare la sua parte”.
RED/as

link alla notizia: http://www.consiglio.regione.umbria.it/node/55891

 

14 marzo 2017

Ufficio Stampa del Comune di Norcia

Avviso per la semina a Castelluccio di Norcia

Da sabato 18 marzo sarà possibile raggiungere Castelluccio per riattivare le coltivazioni e la semina, scongiurando così il rischio della mancata `fioritura` per il 2017.  Tutti gli interessati dovranno comunicare al Comune di Norcia entro giovedì sera alle ore 18

  • numero di targa
  • tipologia di mezzo
  • nome e cognome del conducente

Le suddette comunicazioni dovranno pervenire entro le ore 18,00 di giovedì 16 marzo 2017

all`indirizzo mail segreteria.sindaco@comune.norcia.pg.it

Oggetto: SEMINA A CASTELLUCCIO

Oppure telefonando al n. 0743 828711 int. 0 103

I trattori e qualsiasi altro mezzo per la semina potrà così raggiungere Castelluccio di Norcia, passando attraverso la frazione di Pretare di Arquata del Tronto (AP).

Sabato 18 marzo, tutte le vetture autorizzate si ritroveranno lungo Via Meggiana alle ore 8,00 per partire alla volta di Castelluccio.

 

15 marzo 2017

Ufficio Stampa del Comune di Norcia

Da sabato agricoltori a Castelluccio per la semina della lenticchia.

Alemanno e Marini: “Mantenuta la promessa, ripartiamo dal nostro territorio e dalle sue eccellenze”.

Un grande segnale per una pronta ripartenza. All`indomani del successo della 54^ edizione della Mostra Mercato “Nero Norcia”, kermesse di rilievo nel panorama agroalimentare nazionale, arriva una notizia tanto attesa per gli operatori del territorio.

“Da sabato prossimo tutti gli agricoltori potranno finalmente raggiungere Castelluccio di Norcia con i mezzi tecnici adeguati per poter procedere alla semina dei campi di lenticchia”. Dice il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. “Insieme alla Regione Umbria abbiamo mantenuto la promessa di trovare una soluzione entro la metà di marzo. Quanto prima – prosegue Alemanno – saranno allestiti dei `tunnel` vincolati a new jersey, per il ricovero dei mezzi e delle sementi. Inoltre, per coloro che lo vorranno, sarà messa a disposizione una struttura ricettiva dove poter pernottare”.

“Tra i simboli della ripartenza dopo il terremoto, la semina della lenticchia è la più emblematica: è il seme che torna a generare uno dei prodotti più preziosi di questo territorio, bellezza e attività economiche”. Afferma la Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini. “Un significato che, quest’anno come non mai, va al di là del lavoro stesso e del suo valore economico, segnando e imprimendo slancio alla rinascita di Castelluccio in tutti i suoi aspetti. Con il ripristino della viabilità che man mano renderà più fruibile la strada – prosegue la Presidente – si potrà tornare ad ammirare la tavolozza dei colori della Piana. Con il progetto #rinascitacastelluccio, promosso da Regione Umbria, Ministero delle Politiche agricole e Perugina – conclude – rafforzeremo il nostro impegno per la ripresa e il futuro delle attività agricole e agroalimentari”.

Tutti gli agricoltori interessati dovranno comunicare al Comune di Norcia entro giovedì sera alle ore 18, numero di targa; tipologia di mezzo e nome e cognome del conducente. Le suddette comunicazioni dovranno pervenire entro le ore 18,00 di giovedì16 marzo 2017 all`indirizzo mailsegreteria.sindaco@comune.norcia.pg.it

Oggetto: SEMINA A CASTELLUCCIO, oppure telefonando al n. 0743 828711 int. 0 103 I trattori e qualsiasi altro mezzo per la semina e/o di accompagnamento potranno così raggiungere Castelluccio di Norcia, passando attraverso la frazione di Pretare di Arquata del Tronto (AP).

Sabato 18 marzo, tutte le vetture autorizzate si ritroveranno lungo Via Meggiana alle ore 8,00 per partire, scortate dalle forze dell’ordine, alla volta diCastelluccio.

Ufficio Stampa

 

25 marzo 2017

Cittadino e Provincia – Agenzia quotidiana di informazione a cura della Redazione Stampa Servizio Affari Generali della Provincia di Perugia

Viabilità – Sp 477 di Castelluccio, disposta l’interruzione temporanea al traffico

Transito consentito solo ai mezzi di soccorso e di pubblica sicurezza

(Cittadino e Provincia) Norcia, 25 marzo ’17 – Sulla Sp 477 di Castelluccio è disposta l’interruzione temporanea al traffico per strada dissestata a seguito dell’evento sismico del 30 ottobre 2016. Il tratto interessato è il 1° (intero) dal km 0+000 al km 21+584.

A renderlo noto è la Provincia di Perugia, Area viabilità. Il provvedimento sarà in vigore fino al ripristino della sicurezza per la circolazione stradale, con transito consentito esclusivamente ai mezzi di soccorso e di pubblica sicurezza.

Agricoltori in protesta

 

28 marzo 2017

Ufficio Stampa del Comune di Norcia

Semina a Castelluccio, la posizione del Sindaco di Norcia Nicola AlemannoSindaco di Norcia Alemanno Nico

Il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, torna sull`argomento di questi giorni riguardante la viabilità versoCastelluccio e quindi della semina.

Il 21 marzo scorso in Prefettura si è tenuta la riunione del Comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica e la riunione tecnica di coordinamento delle forze di Polizia, cui il Sindaco di Norcia ha chiesto e ottenuto di poter partecipare; a detta riunione è seguito un  comunicato stampa congiunto.

Comune di Norcia e Regione Umbria, venerdì 17 marzo hanno incontrato tutti i soggetti interessati alla semina e il Presidente di Coldiretti. Sentite le esigenze degli agricoltori sono state elaborate delle soluzioni da richiedere agli organi competenti su alcune delle quali l’Amministrazione Comunale stava già lavorando da tempo, come il Sindaco Alemanno aveva avuto modo di comunicare al rappresentante degli agricoltori, sig. Gianni Coccia.

Queste le esigenze manifestate:

  1. Autorizzare i trattori ad attraversare il traforo `San Benedetto` Forche Canapine, per poter raggiungereCastelluccio, senza passare per i 90 km di Pretare di Arquata del Tronto.

2. Trasporto fino a Castelluccio di seminatrici e aratri.

3. Le sementi, divise per ciascuna azienda, potessero essere consegnate con idoneo mezzo sui piani diCastelluccio.

4. Installazione sui piani di Castelluccio di n. 3 tunnel: 2 per il ricovero dei mezzi; 1 per le sementi.

5. Consentire agli agricoltori di poter pernottare in una struttura idonea a Castelluccio.

6. Assicurare agli agricoltori i pasti.

7. Garantire la presenza sul piano di un meccanico, che risponda ad ogni eventuale immediata emergenza presentata.

8. Garantire il rifornimento dei mezzi attraverso un`autobotte

9. Garantire il passaggio da loc. Pretare di Arquata del Tronto, verso la metà del mese di giugno per i mezzi di trasporto delle `rotoballe`.

10. Garantire il passaggio per metà luglio delle trebbiatrici

11. riapertura del transito ordinario per raggiungere Castelluccio, prima della fioritura

12. Consentire il passaggio con le proprie autovetture attraverso il traforo `San Benedetto` Forche Canapine, a coloro che non avessero voluto pernottare a Castelluccio, una volta al mattino, una alla sera. (Strada per Castelluccio di Norcia)

Dei punti sopra elencati soltanto uno, l`ultimo, il passaggio delle automobili due volte al giorno, non ha potuto trovare accoglimento da parte di Anas per evidenti motivi di sicurezza.

Per quanto concerne invece la prima richiesta (1) Anas aveva autorizzato il passaggio dei trattori in galleria ad intervalli temporali, necessari per far fronte alla mancata ventilazione del traforo, nei giorni individuati in lunedì 27marzo e lunedì 3 aprile.

L’esercito si sarebbe fatto carico di trasportare con idonei mezzi le seminatrici, gli aratri e le sementi attraverso la viabilità ordinaria (punti 2-3); a tal proposito la Polizia Municipale del Comune di Norcia era già allertata per raccogliere le esigenze degli agricoltori (N. di mezzi, tipologia, targhe, nome e cognome del conducente) e le Questure e Compartimenti della Polizia Stradale delle Province di Perugia, Rieti ed Ascoli Piceno erano già state avvisate per il passaggio dei suddetti mezzi ‘pesanti’.

Nella riunione del 17 marzo la regione Umbria (4) aveva garantito che per il 24 e il 27 marzo sarebbe stata terminata l’installazione dei 2 tunnel per i mezzi e di quello per il ricovero delle sementi.

Per i pernottamenti a seguito delle esigenze manifestate, si sarebbero messo a disposizione idonee strutture per il pernotto e per erogazione dei pasti (punti 5-6)

Sarebbe stata garantita la immediata reperibilità di un meccanico durante le ore di lavoro e garantito il rifornimento dei mezzi mediante un autobotte dalla Protezione Civile (punti 7-8).

Il trasporto delle rotoballe (9) sarebbe stato garantito attraverso l`adeguamento del varco di Pretare di Arquata del Tronto.

Il passaggio delle trebbiatrici (10) sarebbe stato garantito, come da richiesta, per metà luglio: per quel periodo infatti Provincia e Regione hanno garantito la riapertura della viabilità, o attravero la SP 477 o il traforo `San Benedetto` Forche Canapine, quindi la SS 685 e ultimo tratto 477 (punti 10-11). Queste soluzioni individuate sono state puntualmente comunicate dallo stesso Sindaco di Norcia al portavoce degli agricoltori sig. Gianni Coccia.

“Non avrei mai immaginato che portare ad un tavolo di coordinamento dodici quesiti ed uscirne con undici soluzioni, questo avrebbe generato comunque ulteriori proteste”. Dice il Sindaco di Norcia, Alemanno rimarcando come restano invece ancora aperti alcuni temi sui quali trovare risposta. “Le esigenze di Castelluccio non sono solo quelle legate alla semina e alla riattivazione delle attività economiche per le quali comunque si è avviato un percorso di soluzione – rimarca il primo cittadino – vi sono ancora altre esigenze che debbono trovare risposta per le quali ancora non si è invece trovata soluzione. Tra questi le SAE per i pochissimi residente abituali e continuativi, oppure le soluzioni per il pernotto di coloro che esercitano attività agricola ed economica nella frazione di Castelluccio, pur non avendo residenza abituale e continuativa così come disposto da vigenti norme; la possibilità di rendere fruibile Castelluccio da tutti gli oriundi che solitamente lo abitavano nella bella stagione”. Continua Alemanno annunciando come invece sia in fase di compiuta risoluzione il piano di rimozione delle macerie. In conclusione il Sindaco di Norcia confida nel senso di responsabilità di tutti coloro interessati da tali problematiche e si dice convinto che “se si abbandoneranno posizioni pregiudiziali e strumentalizzazioni di carattere politico, si potrà riuscire, tutti insieme a trovare le migliori soluzioni per la comunità intera. Castelluccio è e resta prima di tutto dei suoi abitanti ma è però anche un bene prezioso per la comunità Regionale, Nazionale ed Internazionale”.

Ufficio Stampa

 

29 marzo 2017

Ufficio Stampa del Comune di Norcia

Semina a Castelluccio. Alemanno: “Bene. Continuiamo a lavorare per apertura totale della strada per giugno”.

Intanto Norcia insignita `Eccellenza Italiana` all`Università per Stranieri di Perugia

Il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno esprime soddisfazione per il risultato ottenuto “espressione della bontà del lavoro che l`Amministrazione Comunale sta portando avanti, insieme alla Provincia di Perugia e alla Regione. Lo abbiamo detto diverse volte ed è questa occasione per ribadire che la coesione e lavorare insieme porta risultati soddisfacenti ”. Il punto cui è stata trovata l`intesa riguarda il consenso al passaggio di alcune vetture degli agricoltori che potranno transitare lungo la SP477 alle 7, prima dell`apertura del cantiere e alle 19,30, alla chiusura. Questo sarà consentito fino a quando non inizieranno i lavori di pavimentazione stradale. In attesa di conoscere i dettagli del piano che sarà stilato a breve in Prefettura, Alemanno rimarca: “non ci fermiamo qui, vogliamo che la strada torni ad essere aperta per la metà di giugno quando i turisti raggiungeranno Castelluccio per la fioritura: questo è l`obiettivo sul quale continuiamo a lavorare”.

Sempre oggi il Sindaco di Norcia, in occasione dell` inaugurazione dell`anno accademico dell`Università per Stranieri di Perugia, ha ricevuto direttamente dal Magnifico Rettore Prof. Giovanni Paciullo il sigillo dorato dell’Università per stranieri di Perugia. Solitamente assegnato alle ‘Eccellenze italiane’, in questo caso il premio a Nicola Alemanno ha inteso sottolineare il grande lavoro svolto nel periodo post sisma, mentre alle spalle scorrevano le immagini di Castelluccio come era e con l’auspicio di tutti che torni presto al suo tradizionale splendore, riconosciuto in tutto il mondo.

“Ringrazio il Rettore per questo segnale di sensibilità, vicinanza e solidarietà alla nostra Comunità. Vicinanza che non è mai mancata da tutti gli umbri e che ci aiuta a continuare ad andare avanti e rinnova le nostre energie, necessarie per trovare soluzioni ai problemi che quotidianamente affrontiamo. Domani (30 marzo) sono 5 mesi dalla scossa del 30 ottobre, e come dal primo giorno, ogni giorno, lavoriamo per cercare le migliori soluzioni per una pronta ripresa”.

castelluccio di norcia dopo il terremoto

 

Inviaci i tuoi aggiornamenti via email a info@valnerinaonline.it